Home restaurant, la proposta di Gnammo alla Camera dei Deputati

«Gnammo propone alla commissione di valutare e porre dei confini numerici tra dove finisce il social eating e inizia l’home restaurant, che possono essere identificati in 8 eventi nel mese, oppure 30 in un anno, e in ogni caso entro un transato di 5.000 euro anno. Oltre questi limiti riteniamo che il cuoco abbia una finalità che va oltre la convivialità e quindi siano necessarie norme di regolamentazione quali una segnalazione certificata d’inizio attività semplificata e unica a livello nazionale […]».

StartupItalia, 27 gennaio 2016